Home > Mercato > i segreti del mercato by NoLaW85 > La compravendita con giocatori argento

La compravendita con giocatori argento

Condividi...Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Reddit0Email this to someone

La compravendita con giocatori argento

 

In molti mi avete chiesto consigli per compravendita con un budget inziale ristretto, che non vi consente ancora di intraprendere la strada degli In-Form (leggi Compravendita con gli InForm). Tutto quello di cui vi parlo nel corrente articolo va, a mio parere, affiancato a quanto già detto nell’articolo su “Il Mercato con i primi 10k“, e se non l’avete ancora letto, vi consiglio di farlo prima di proseguire con questo.

C’è da premettere che questa tipologia di compravendita richiede molto più tempo di quella a cui siete abituati ad esempio con gli InForm, perché per ottimizzare i guadagni sarete costretti a seguire molte più aste e a spammare molte più ricerche nelle sessioni di mercato. Vi consiglio quindi di munirvi di una buona dose di pazienza, e magari per chi ne avesse la possibilità ad operare tramite web-app da PC (per me è il miglior modo per fare sessioni di compravendita).

Ma perché facciamo questo tipo di compravendita utilizzando giocatori argento e non oro, o magari bronzo?
Il motivo principale sta nel fatto che le carte argento (soprattutto quelle argento raro) sono di gran lunga più rare di quelle oro; è la loro rarità, ancor prima del loro valore in termini di skill ecc, il motivo per il quale spesso giocatori che sembrano poco più che mediocri, valgono anche 8-10k. Aggiungete poi il fatto che vediamo sempre più di frequente requisiti particolari per i Tornei Giornalieri utili alla qualificazione per la Weekend League, come ad esempio un’intera squadra composta da carte argento; ma anche requisiti per le Sfide Creazione Rosa.
A tutto ciò va unito che spesso chi trova un giocatore argento in un pacchetto, lo vede come una mancata possibilità di generare profitti, quasi come un peso, e se ne vuole liberare velocemente, senza prima controllarne l’effettivo valore sul mercato. E’ proprio a questa tipologia di carte a cui puntiamo. Carte che valgono tanto, ma che sono state messe in vendita senza l’opportuno prezzo iniziale (e tante volte anche senza l’adeguato “compra ora”).

Come già specificato nell’articolo su “Il Mercato con i primi 10k”, anche qui non vi darò dei nomi ai quale puntare, non avrebbe senso visto l’elevato numero di lettori del sito; finireste per puntare agli stessi obiettivi creando prezzi inflazionati e quindi nessun guadagno.

Quello che cercherò di spiegarvi è come capire a quale giocatore puntare e quali sono i criteri che determinano il prezzo di una carta: 

Pricefix da parte di altri giocatori: Se vi imbattete in un argento “pricefixato” (vedi nota 1 a fine articolo) avete molta possibilità di fare guadagno, ma dovrete seguire le aste fino all’ultimo perché probabilmente chi sta fixando quel giocatore cercherà di comprare tutte le carte sul mercato, per mantenerne alto il prezzo di vendita.

– Utilità della carta per una SCR: giocatori richiesti nei requisiti delle Sfide Creazione Rosa sono molto ricercati e possono generare grossi profitti. Occhio però alla scadenza della sfida, una volta terminata il prezzo del giocatore calerà bruscamente!

Rarità e bassa presenza sul mercato: più una carta è rara, maggiore sarà la possibilità di fare guadagno.

– Caratteristiche e abilità: valori alti nelle caratteristiche di velocità, fisico e tiro spesso fanno salire il valore delle carte. Valutate ovviamente di caso in caso rispetto anche al ruolo del giocatore che comprate.

Club di appartenenza e nazionalità: il club di appartenenza è molto importante per i link intesa, ma anche nazionalità. A differenza di quanto si possa credere, spesso hanno più valore le carte di giocatori con nazionalità diversa rispetto al loro campionato di appartenenza, perché utili per alcuni requisiti particolari delle SCR (ad esempio se puntate a giocatori della Liga Santander, non comprate quelli spagnoli, ma cercate quelli con nazionalità più rare).

Prezzo: un prezzo particolarmente alto può attirare la vostra attenzione e richiedere un maggiore approfondimento, userete quindi il tasto “confronta prezzo”.

Per cimentarsi in questo metodo di compravendita basterà:
  – impostare la ricerca con solo la qualità argento e la lega di appartenenza selezionate (ad esempio Calcio A, LaLiga Santander, ecc.), senza impostare nessun limite di prezzo; 

asd1

 – scorrere le varie carte e puntare quelle che vi sembrano più appetibili rispetto ai criteri di cui abbiamo parlato prima;

asd2

 – utilizzate il tasto “confronta prezzo” per valutarne l’effettivo valore, e fare offerte a quelle che sono al di sotto del prezzo medio e vi consentono, in caso di vendita, di fare un buon guadagno;

asd324354

Con questo procedimento, ripetuto più volte, vi imbatterete spesso in giocatori messi all’asta con il prezzo iniziale molto più basso dell’effettivo valore della carta sul mercato, o a volte in vere e proprie “occasioni” da cogliere al volo, magari con il compra ora.

Anche questo metodo, come pressoché tutti i metodi di compravendita, presenta dei rischi: il valore della carta può variare sensibilmente nel corso del tempo, magari perché, ad esempio, il prezzo molto alto di una carta argento è legato ad una SCR, che una volta scaduta, riporterà il valore della carta a quello standard. Rischierete di ritrovarvi con una carta rimasta invenduta, che ha perso gran parte del suo valore iniziale.
Cercate, quindi, di non esagerare sul prezzo di vendita, ma puntate a vendite veloci, anche sacrificando leggermente il guadagno netto finale. Cercate inoltre di non comprare troppe carte uguali, ma differenziate gli investimenti, così da ridurre il rischio di perdita in caso di crollo del prezzo.

Il prezzo di vendita ovviamente varierà di caso in caso, vi accorgerete da soli, prendo confidenza con questo tipo di metodo, quale sarà il prezzo corretto da assegnare ai vostri oggetti. Nel caso, ad esempio, di carta soggetta a pricefix, voi punterete a vendere leggermente al di sotto del prezzo medio impostato dall’utente che sta fixando i prezzi.

Come già detto, questo metodo richiede un po’ più di tempo rispetto agli altri, ma vi assicura ottimi guadagni con investimenti iniziali relativamente bassi.

(nota 1) Il pricefix è un metodo di compravendita che prevede l’acquisto di un certo numero di carte (spesso tutte le carte) dello stesso giocatore, con conseguente piazzamento in contemporanea sul mercato a prezzo molto elevato. Si tratta di una sorta di monopolio su un solo giocatore; tutte le carte presenti sul mercato sono in mano allo stesso utente che ne determina il prezzo a suo piacimento. E’ un metodo che non consiglio, perché è difficile da mantenere attivo senza andare in perdita, ed infatti solo gli utenti più esperti ,che riescono a gestire il mercato con una certa padronanza, riescono a guadagnarci.

 

Condividi...Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Reddit0Email this to someone

LEGGI ANCHE